Penzeri Calabrisi

Testi di Mariella Matera. Tutti i diritti sono riservati.

L’amuri non é vampa ma acqua di hjumara…ca l’acqua astuta u focu ma all’acqua cu ripara?


É na storia giá cuntata, e mo nci la cantu au mundu. L’omu chi nesci quatratu, non pó moriri tundu.


MMenzu allu camina da nostra vita, mi ritrovai menzu alla luci ca la retta via era la cruci!


Muzzicami taranta, na vota e poi addipedi…
Muzzicami mo lu cori e non suli li du pedi.
Nu cantu senza tempu mu sona sta corata,
ca puru l’arma mia, moni è tarantata!


Non é tutta hjiauru e russuri la cirasa,
ca alla prima muzzicata é lu vermu chi ti vasa.


Cacciativi li vesti nigari e ‘a nuda caminati
Posati i maccaturi russi, e vidimu si ballati?!
Ma daveru ‘ndi pari ca è na vesti nigara ‘a tarantella?
Ca’ tutti ‘ncigna e finisci “cu nu giru di gunnella”?
Ah…ah…chi tormentu! chi ferita!
Ma la storia nostra adduvi è finita?
Non è ‘na puttana, chi si presta pe’ dinari
E’ ‘nu stili di vita la CULTURA POPOLARI!
E’ comu la vita chi ti curri ‘ncorpu
..e tuttu amu tu duni…vivu, riccu, povaru e..
puru mortu!


Siamo rimasti poveri a farci la guerra
Mentre quello per cui lottiamo é la nostra ricchezza


Ah terra mia
Jocata a tri setti
Nesciuta dui di danari
Cu briscula a coppi
‘Na manu perduta
Senza riscattu
Chi ci fannu ‘na scupa
E ‘nci futtunu u piattu.


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...