30 passi per Natale - 2015, Riflessioni

22° Passo: Filo conduttore

Sei stato segno visibile nella storia che hai scritto nei ventri che ti hanno generato. Da Abramo a Giuseppe sei stato il filo conduttore dei secoli. Gesù non è un eroe di fantascienza che combatte guerre stellari intergalattiche, Gesù è un essere umano che nasce dal grembo di una piccola fanciulla di Nazareth. Le mille profezie si compivano già nel tempo mentre il tempo trascorreva. Giovanni aveva immaginato Gesù un po’ come lo vorremmo anche noi, “con ventilabro per ripulire la sua aia e per raccogliere il frumento nel granaio” (LC 3), ma questo eroe che sarebbe dovuto scendere dai cieli su carri fuoco, viene dal ventre della terra, silenzioso, nel posto più remoto. Il nostro Dio di incensi, sacrifici, digiuni sceglie un posto che mai avremmo immaginato, un piccolo angolo di mondo e non punisce il male, ma educa al bene.

E’ così anche nella mia vita; cerco sempre l’intervento di un Dio che mi sollevi la testa dal fango, mi protegga nei nemici. Che scenda dal cielo con una moltitudine di angeli a scacciare la gramigna dalla mia vita. Lo cerco tra mille filosofie e teologie, preghiere ed adorazioni. Ma Lui è sempre nella parte più intima di me, dove io mai potrei pensare di trovarLo e proprio da quel posto, così remoto dell’anima mia, mi educa all’amore. Mi educa all’amore da sempre, da quando anch’io fui generata dal ventre di mia madre e quando io crebbi tra il sudore della fatica di mio padre, quando scelsi di esser testimone della Tua “luce chiara”, quando quell’uomo incrociò il mio sguardo. Quando mi mettesti ali per volare e quando stavo per cadere. Quando ho smarrito la via, quando l’amicizia ha trafitto il cuore. Quando il lavoro è stato una pena e quando è stato letizia. Negli occhi di mia nonna. Nel respiro di mio zio. Nei posti dove non c’eri. Nel mio destino.

Posso trovarti sempre lì, nella mia memoria, e vederti chiaro filo conduttore della mia storia.

Da Abramo a Giacobbe, in chi ti ha generato
Sei un eroe vero, non fantascienza
Sei uomo da ventre di donna nato
Nei secoli dei secoli viva presenza

Ti ho aspettato dai cieli, con carri da re
per ritrovarti nella memoria
Ti ho trovato lì, nell’anima e
conducevi Tu anche la mia storia

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...