30 passi per Natale - 2015, Riflessioni

18° Passo: Diventa profezia!

III Domenica di Avvento
a cura di P. Mario Vabai

Nel vangelo di questa terza domenica di Avvento viene posta una domanda al profeta Giovanni Battista da parte delle folle, dei pubblicani e dei soldati, in pratica dall’umanità del tempo; tale domanda è attuale e può essere ripetuta anche da noi: “Che cosa dobbiamo fare?”; cioè quale comportamento va assunto nel rinnovare la propria vita, quale giustizia deve accompagnare le proprie azioni e i propri comportamenti.

Noi potremmo chiederci: che cosa dobbiamo fare Signore per prepararci ad un Natale che non resti banale, ripetutamente sterile ed infruttuoso, che viva di apparenti ed illusorie emozioni?

Che cosa dobbiamo fare per guardarci dentro, perché il silenzio scavi nei nostri labirinti di problemi e di paure, smascheri la nostra sete di felicità e di bene, in particolare quando una tragedia ci ridesta alla durezza e alla verità della vita?

Giovanni risponde in maniera dolce e sorprendente: consigli spiccioli, all’apparenza banali, ben diversi dai proclami che ci aspetteremmo, dalle scelte radicali che dovrebbe proferire: “condividete, non rubate, non siate violenti.”.

Tutti ci chiediamo che fare dei nostri beni, che fare del nostro denaro, che fare della nostra forza. I beni non si usano per accumulare, ma per condividere. Il denaro poi diventa il sommo bene, più ne hai meglio è: non va bene. Tieni il giusto. E “la forza” non serve per sottomettere gli altri, ma per esercitare la giustizia e il bene comune.

Quando sapremo che un povero cristo vale come il presidente della repubblica? E vale come Dio. Perché Dio si è identificato con l’ultimo degli uomini. Questa è la giustizia di Dio. Quando noi capiremo questo vedremo che il mondo cambia.

Giovanni ha ragione. Fa’ bene ciò che sei chiamato a fare, fallo con gioia, fallo con semplicità e diventa profezia, strada pronta per accogliere il Messia.

La gente si chiede se Giovanni sia il Cristo. Con la sua predicazione, Giovanni aveva avuto un gran successo. Davanti a questa domanda Giovanni dice la cosa più bella: “Io vi battezzo con acqua”. Vi immergo nella nostra realtà, nel nostro limite. L’acqua è simbolo di morte se t’immergi, di vita solo se ne vieni fuori. E quindi vi tiro fuori, altrimenti morite.“Viene dopo di me colui che vi battezzerà in Spirito Santo e fuoco”.Non in acqua, ma in fuoco. Non in morte, ma in Spirito, che è vita, la vita di Dio. Proprio accettando la nostra umanità, ciò che in noi è più umano, il nostro limite, la nostra fragilità, incontriamo Dio stesso. Dio non è altro che il compimento necessario della nostra umanità, che è limitata, è coscienza di limite e protesta contro il limite, perché desiderio di infinito. Lì nel tuo limite accogli colui che desideri, incontrerai il Cristo, che ti battezza in Spirito Santo e fuoco.

Noi siamo specialisti nel far fuori i cattivi, che sono sempre gli altri. Gesù, invece, muore per tutti i peccatori; Egli non fa fuori nessuno. Fa fuori il male nel suo corpo; tramite il fuoco inestinguibile del suo Amore brucia il male del mondo.

Il passo del vangelo si conclude con il commento dell’evangelista Luca che qualifica le parole del Battista come esortazione o consolazione e il suo annuncio come buona notizia, Evangelo.

Il Battista annuncia già il Vangelo perché è totale apertura a colui che deve venire per donarci lo Spirito e il Fuoco e questo gli costerà la prigione e la morte. La nostra attesa si concluderà quando anche noi saremo “imprigionati” dall’amore di Cristo e la nostra vita, “nella morte”, diventerà piena nella sua Vita Eterna

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...