Poesie in Dialetto Calabrese, Riflessioni

Amblimblé

Amblimblé questa terra è per me
Amblimblò questa terra canterò
Amblimblù il paradiso è quaggiù
Amblimblà chista terra s’ha de cantà

C’ho provato a scriver tutto
a denunciare ogni emozione
ma alla fine mi sa proprio
che la mia è mistificazione
Di questa terra che io canto
troglodita e un po’ bigotta
volevo farci ‘na canzone
Le ho scritto una filastrocca

Volevo dire che la natura
qui è tutta sana per davvero
ma dopo due test a testa e croce
mi pare proprio un cimitero
perchè i pesci vengono a riva
a morir lungo la costa
gettan vermi e gettan ami
e noi coglioni ad aprir bocca

Eppur
Li ho visti venire al mare
come santi in processione
a recitar Cosa Nostra
e gloria al Santo Meridione

Avevo preso quattro appunti
per dirlo in modo generale
la mia terra tarantat’è bella
ora mi pare un funerale
Non suonano tamburelli
valgon quanto l’oro adesso
ci sotterrano da stronzi
per farci viver dentro al cesso

Ma l’ho sognata io vestita
con un manto celestiale
ma se vedo nero il velo
la visione è più reale.
Mi permette signorina
terra mia del Meriodione,
se la porto stasera a ballo
in una centrale di carbone?

Eppur
Li ho visti sfilare dritti
come santi in processione
ad intercedere per me
per un voto all’elezione

Amblimblé questa terra forse non c’è
Amblimblò se vivrò io non lo so
Amblimblù il cielo non si vede più
Amblimblà……

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...