Riflessioni

Carni

U cori calabrisi è tempiu i DDiu
teni n’ amuri chi non si po’ cuntari
teni paroli chi non si ponnu diri
‘nu cantu chi non si poti cantari

E u diavulu si sapi ca voli i cosi boni
e di ‘stu cori nostru ‘mbidia havi
pecchi lu cori è i Ddiu e nun lu poti
e la carni d’affliggi cu li mali

E si vo’ la carni mia satanassu
pigghjiatilla puru e sii’ malidittu
‘ca puru ca m’affossi ad ogni passu
cu u SIgnuri u caminari è benedittu

‘Nta stu cori mio non po’ ‘accucchiari
e mu si pigghjiassi puru la raggiuni
U diavulu si piggjhia i l’omu a carni,
pecchi ì l”omu non po’ haviri u cori.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...