Poesie in Dialetto Calabrese

U ballu du Suli

 

Pe’ fari nesciri u suli é ‘sta ballata
Ca l’acqua a zimba e mari ‘ndi conzau
L’urtima strata eni ‘na cantata
Ca puru i jornu u cielu si scurau

E provamu u m’abballamu la taranta
Pemmu nesci u suli e pemmu scampa
Provamu tutti cu ‘sta rima storta
U s’indi vaci u tronu e u suli porta

“Veni, veni suli cocenti
Tri zampi di gajina e cuda i serpenti
Vavattindi mala scurata
Cappeju i fajettu e chiantu di fata
Veni suli e abbampa li pedi
Mu sparisci l’acqua e u suli u veni”

Antidoto:

Balla ‘a tarantella, ma ballala a storta
via ‘stu focu e l’acqua porta
ilus ud ullab u: chistu è lu cantu
Pani addimuratu e ‘mmenzu toi chiantu
Jungimu sudura scazi pe’ via
ballamu mu si sciogghji ‘sta magarìa!

Annunci

6 thoughts on “U ballu du Suli”

  1. da calabrese non posso che apprezzare : bellissimo canto che in vernacolo esprime tutta la sua forza. Ciao e piacere di conoscerti. ni vidimu 🙂

    Mi piace

  2. Ma tu lo sai che stai facendo un lavoro grande e prezioso per il Sud e la sua gente? Veramnet un gran lavoro pieno di dignità.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...