Poesie in Dialetto Calabrese, Riflessioni

Ab umbra lumen

Le notti insonni e l’ansia del giorno
la paura di partire e non fare ritorno
il peccato maledetto di amarti o terra
è la tenebra più scura dove l’anima erra

Se il mio è un peccato a Dio lo confesso
che scendendo al Sud, s’è fermato troppo presto
“Erra e cerca la luce, mia Brigantessa
di difendere la tua terra  il compito a te resta”

Si chistu è paradisu, mu sugnu io luci
si chista terra è cantu, mu sugnu io la vuci
io vogghjiu ‘nu riscattu si chista terra è la mia
mu sugnu ‘a megghjiu pinna, si chista è ‘na poesia

Dammi tu il coraggio per restare o meridione
ché l’angoscia che sento sia un grido di amore
sia una guerra la mia, per sentir sempre il tuo canto
per vederti ballare dall’alba al tramonto

Si chista è ‘na tarantella, mu sugnu lu tempu
Si chistu amuri è ventu, famm’u’ mu sentu
Si chista è ‘na partenza, fammi ritornu
Dopu ‘sta notti, mu sugnu io jornu

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...