Poesie in Dialetto Calabrese

Non c’ha pozzu fari

Ogni  jornu ‘a stessa storia
nenti cangia, tuttu a memoria
setti e quindici puntuali,
prima u cafè e poi u lettu di cunzari
panni vagnati da lamprari
carta, vitru, dimmi oì c’haju i jettari?

Io….

non c’ha pozzu fari, volerrìa partiri
versu mari luntani…ma senza vi lu diri!

Virdi e rosso, scanza il fosso
della macchina non resta neanche un osso
L’ossa mia si spruppau
ohi chijia serpi di guvernu cu u criau?
strada, bollo, l’assicurazioni
‘na vita i cicciu mu ti futtunu a penzioni

Io….
non c’ha pozzu fari, volerrìa partiri
versu mari luntani…ma senza vi lu diri!

Almenu u sabatu nescimu
u ceravejiu mu ‘ndi rifriscamu
beh, diciti, chi facimu?
e sempri a stessa decisioni poi pigghjiamu
pizza, birra e purpettini
‘nd’alluntanamu u restamu cca vicini?
‘A decisioni è sempri chijia
faci friddu? Jamu ‘a casa?
Arrassusìa!

Io….
non c’ha pozzu fari, vi volerrìa mandari
versu mari luntani…ma adduvi non lu pozzu diri!

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...