30 passi per Natale - 2014

21° Passo: Testimonio

10 giorni a Natale. 10 Passi…di testimonianza!

21° Passo: TESTIMONIO
III Domenica di Avvento

a cura di don Andrea Campennì

In questa terza domenica d’Avvento il vangelo ci presenta la luminosa figura di san Giovanni Battista, il Precursore del Signore. Colui che preparò le vie al Signore, predisponendo i cuori ad accoglierlo con fede. Così è ogni cristiano, quando riesce a dare buona testimonianza. In questo periodo d’Avvento siamo chiamati a rivedere e verificare tutta la nostra vita, per renderla sempre più un segno vivente dell’amore di Dio.

Ho riassunto in quattro parole l’insegnamento delle letture di oggi: luce, gioia, umiltà e testimonianza. La luce di Cristo brillerà in noi se allontaneremo da noi le tenebre del peccato. San Paolo, nella seconda lettura, invita pertanto tutti i cristiani a tendere alla perfezione, verso la luce, verso Cristo. Quanto più uno farà risplendere in sé la luce di Gesù Cristo, tanto più egli vivrà nella gioia. Ancora San Paolo ci dice: «Siate sempre lieti» (1Ts 5,16). La gioia, quella autentica, sgorga sempre da un cuore puro, da un cuore che ama Dio al di sopra di ogni cosa. La gioia si raggiunge dopo un serio cammino spirituale che ci fa esclamare con il profeta Isaia: «Io gioisco pienamente nel Signore, la mia anima esulta nel mio Dio, perché mi ha rivestito delle vesti della salvezza» (Is 61,10). Questo inno deve diventare anche il nostro grido, che nasce da un cuore liberato dal peccato. Poi la parola umiltà la possiamo ammirare in san Giovanni Battista. A chi lo interrogava su chi egli fosse, il Precursore così rispondeva: «In mezzo a voi – e si riferiva chiaramente a Gesù – sta uno che voi non conoscete, colui che viene dopo di me: a lui io non son degno di slegare il laccio del sandalo» (Gv 1,26-27). Ecco la grande umiltà che scaturisce dal Battista, questa espressione inoltre richiama il tema anticotestamentario della sapienza nascosta, che non può essere conosciuta se essa stessa non si manifesta. Gesù è questa sapienza che si manifesta all’uomo. Secondo il vangelo di Giovanni, il Battista non è un predicatore o un asceta, ma il modello per eccellenza del testimone. Per essere testimoni, però, bisogna essere prima attenti uditori, saper mettersi in ascolto della parola. L’ultima frase del vangelo ci informa che Giovanni il Battista svolge il suo ministero a ‹‹Betania, al di là del Giordano››. Il significato stesso del nome del luogo, casa della testimonianza, può avere un valore simbolico perché indica esattamente ciò che ogni comunità deve diventare: veramente una casa della testimonianza. Infatti tutta la pagina evangelica ci ha illustrato in cosa consiste concretamente la testimonianza con la figura del Battista. San Giovanni Battista, il Precursore di Gesù, ci guidi, in questo periodo d’avvento, verso Luce che è Cristo, nella via dell’umiltà, la sola che conduce alla gioia.


 E-book “30 Passi per Natale”
SCARICA QUI : http://goo.gl/v44NNy

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...