Riflessioni

30 passi per Natale (7° passo)

24 giorni a Natale. 24 Passi…per ripartire..

7° Passo: Ripigliati!

A cura di Paolo De Martino

_________________________________________________________________

Eccoci di nuovo! Dopo un anno inteso passato in compagnia di Luca, dopo aver sostato ai piedi della Croce per riconoscere lo splendore della regalità di Gesù, la liturgia ci riporta ai blocchi di partenza con il tempo dell’Avvento in compagnia di Matteo, il pubblicano divenuto discepolo ed evangelista. L’ho pensato spesso in questi ultimi giorni e ora mi convinco ancora di più che è veramente importante riscoprire l’arte del ripartire. Il Signore, oggi, ci chiama a questo. Ci ricolloca all’inizio, allo start. Ci smuove a riscoprire la bellezza e lo stupore dell’inizio, la freschezza dell’alba, la lucentezza del primo sguardo. Mi piace questo ripartire, perché non è da zero, ma da Lui. Si (ri)parte per (ri)mettere fondamenta, per azzeccare il primo passo, per imparare a fidarsi e per rimettersi in gioco. Nessuno si può sentire escluso. Il cammino di Avvento ci addestra a dare senso al tempo, a non farcelo scivolare addosso, a riempirlo della sua presenza e a ripartire da lui. A volte incontro persone che dopo un grosso fallimento, uno sbaglio, una caduta o una delusione, mi dicono che vogliono ripartire da zero… Penso che non ci sia nulla di più sbagliato. Se vuoi rialzarti, se vuoi rimetterti in cammino, se vuoi ridare vigore alla tua vita e alla tua fede, trovati un po’ di silenzio, un tempo di intimità e dillo al Signore: “Ricomincio da te”. Vorrei che il nostro Avvento iniziasse così, rimettendo lui al centro. Perché quello è il suo posto. O ci metti lui, o è un gran caos… L’Avvento non è un “bel giochino” in cui si fa finta che Gesù non sia ancora venuto e ci si mette ad aspettare tutti preoccupati che finalmente nasca il Salvatore. Gesù è già venuto; Lui è già in mezzo a noi e l’Avvento ci ricorda che Egli è sempre il Veniente! Questo è l’annuncio: Gesù non si è ancora stancato del suo popolo. Viene in mezzo a noi e si impasta alla nostra storia come lievito di bellezza. Dio è come un ladro che viene di nascosto, all’improvviso, quando non te lo aspetti. Magari è tutta la vita che lo cerchi, hai domande forti nel cuore e vuoi metterle nelle sue mani; oppure ti sei convinto di cercarlo, ma non fai altro che incensare il tuo ego e tenere a bada i tuoi sensi di colpa; oppure sei così convinto di averlo già incontrato e d’essere un cristiano arrivato che dormi tranquillo il sonno del giusto e ti lasci vivere. Animo, fratelli! Si riparte, coraggio! Se sei un cercatore di Dio o sei abitato dalla tiepidezza o sei inguaribile dormiglione, da oggi hai possibilità nuova: il Signore viene, ancora, per te. Questo è la notizia buona dell’Avvento: lui non si è ancora stancato di te. Attento, ripigliati: Dio sta venendo a farti visita!

(ringrazio di cuore Paolo per la gentile collaborazione)

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...