Poesie di Vita, Poesie in Dialetto Calabrese

Stefaneju

Agli amici di Caria

Nu bellu iornu nesciu cu lu patri
li vacchiceji havianu a mangiari
li porta sutta a timpa ca è frisca a ierba
…nu terramotu e l’accupau la terra.

S’indi catti la muntagna, oi chi schiantu
e ‘nta l’aria mancu sona nu lamentu
nè campanari senti cchiu scrusciari
chiju silenzu sulu a morti u pò lassari.

E mo vi cuntu i Stefaneju, ca muriu figghjoleiu,
sutta a timpa di Caria, mentri li vacchi pascia!

E l’omani cu li mani cercan vita
ma la terra ormai si l’havia pigghjata
Tutti li vacchi, e u patri li trovaru
ma du picciriju mancu l’ussa di na manu.

E mo si cunta ‘ngiru pe’ Caria
ca l’anima du ninnareju cca giuria
e si cali poi la notti po’ vajuni
lu truvi chi pascia ancora li vaccuni.

Leggi la leggeda: clicca qui

Annunci

4 thoughts on “Stefaneju”

  1. Avevo gia’ avuto il piacere di leggerla e la trovo molto bella e intensa ma, quello che mi colpisce di piu’ e il getto continuo e quotidiano di poesie…..che Dio la Benedica!!!

    Mi piace

  2. E come posso fermarmi dopo commenti del genere? Lei sa che se oggi sono qui a scrivere ancora è per merito suo!
    I miei pensieri vanno vanno…e io gli do una seggiola su cui posarsi!
    Finchè lei continuerà a leggere..io non mi fermerò!
    Grazie!

    Mi piace

  3. Carissima Mariella, lei non deve ringraziare nessuno, creda, ma
    soltanto se stessa e Dio che le ha dato questo dono e, soprattutto
    nella Vita NON ARRENDERSI MAI. Lo dobbiamo a noi stessi e a chi ci vuole bene.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...