Poesie in Dialetto Calabrese

Lu Votu

https://i1.wp.com/sandomenicodifiesole.op.org/graphics/santi/vecchia-con-Rosario_CEZANNE.jpg

Solitamente non introduco mai uno scritto, ma questa poesia è tratta dal racconto, di una storia veramente accaduta, di mia nonna e sua sorella, ricordando i tempi della guerra. Come se il loro unico ricordo fosse lì, tra la gioia e il dolore, tra la fede e la rabbia.

“Ma non sugnu arraggiata cu San Giuseppi, io i chija vota ‘nci criju i cchiu, i santi, non fannu i cosi pe’ dispettu, ma u ti fannu accapisciri quantu sugnu randi”
“Non sono arrabbiata con San Giuseppe, da quella volta ci credo di più, i santi, non fanno le cose per dispetto, ma per farti capire la loro potenza!
Nonna Tina

M’arricordu chiru jornu,
quando lu scrittu ’ndarrivau
era guerra, havia a partiri
e chira matina ‘ndi salutau.

Ohi Maria, si non tornu
crisci boni sti cotrarelli,
non ciangiti figghji mei
vaju u pigghjiu caramelli.

Ma la notti fu longa assai
né caramelli e né carvuna,
puru u ricordu i chira facci
‘ntra l’anni si pigghjau la luna.

E la preghiera di Maria:
San Giuseppi a ttia mi votu,
Fa’ mu torna Cicciu miu,
Ca t’ù preparu ‘n’atru mbitu.

E cu nu friscu i trenu,
Santa Brigida ci rispundiu,
li campani ‘ntonanu u luttu
e bussa alla porta papà miu.

Cu na varva di tri metri,
chi canusciri non potia,
cu ‘ntesta na barritta;
a famigghjia si jungia.

Ma la mamma, povareja
lu votu au santu non rispettau,
e lu 19 i marzu S.Giuseppi,
comu ‘ndi dezzi su ripigghjau.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...